Search
Reputation News
Focus e ricerche
lunedì 26 giugno 2017

Arriva Facebook Tv: Zuckerberg scommette sul calcio in streaming e su video di qualità

“Il valore di un’idea sta nel metterla in pratica”, così recitava Thomas Edison appena qualche secolo fa, e così sembra pensarla anche il giovane Mark Zuckerberg che attualmente sta lavorando a nuovi cambiamenti all’interno della sua piattaforma social.  Sembra che questa volta le volontà del noto imprenditore siano quelle di conquistare il mercato Tv, portando Facebook sui televisori di tutto il mondo e producendo allo stesso tempo video di lunga durata all’interno del Social Network.

A breve quindi, secondo le prime indiscrezioni, dovrebbero essere annunciati i primi contenuti video visibili su Facebook. A filmarli saranno 24 famosi partner tra cui BuzzFeed, Vox Media e ATTN, chiamati a rintracciare show che siano assolutamente originali, di diversa natura e durata. L’idea di fondo sarebbe quella di suddividere la produzione video, inserendo da una parte serie tv e contenuti più strutturati - pensati per un pubblico adulto e pagati fino a 250.000 dollari -  dall’altra programmi più brevi indirizzati ai giovanissimi - con i creatori che avranno tra 10.000 e 35.000 dollari per i loro format. La piattaforma sarebbe al lavoro su produzioni di fascia alta, paragonabili secondo le fonti di Business Insider a fortunate serie tv come House of Cards e Scandal, ma anche su produzioni minori.

Il calcio si prepara alla rivoluzione con Tele Facebook

Niente male eh? Ma non è finita qui, Zuckerberg vuole infatti sfruttare l’interesse dei tifosi sportivi e in particolar modo di tutti quelli appassionati al gioco del calcio.  Tra le società che nel 2016 hanno ricevuto degli incentivi per utilizzare i video su Facebook, ci sono il Barcellona con 1 milione di euro e il Real Madrid con 900 mila euro. Due tra le squadre più seguite al mondo, allo stadio, in tv e soprattutto sui social e alle quali vendere la pubblicità. Facebook ha inoltre firmato una collaborazione con la Liga, la massima serie calcistica spagnola, per trasmettere in streaming sulla propria pagina ufficiale alcune gare di campionato.

Il vantaggio legato a questo accordo sarebbe duplice, indirizzato sia a Facebook sia alle società calcistiche che decidono di aderire. Infatti se da una parte il social network può tranquillamente continuare a guadagnare dalla pubblicità, dall’altro un algoritmo valuterà i nostri gusti e su quelli ci proporrà un tipo di advertising fatto apposta per noi (tailor made). Vi state chiedendo quali sarebbero le conseguenze di applicare tutto questo al calcio o alle aziende interessate? Semplice! I grandi brand sportivi come Nike o Adidas, che vestono le squadre più famose d’Europa, potrebbero aumentare in maniera esponenziale la propria visibilità, nel tentativo di trovare nuovi modi per ripagarsi gli investimenti fatti. La Liga ha così deciso di puntare tutto su Facebook, avendo la possibilità di trasmettere la partita di Copa del Rey in tutti quei luoghi dove nessun emittente tv ne ha acquisito i diritti. Tra questi, oltre all’Italia, ci sono anche nuovi mercati in espansione come la Cina o l’India.

Gli utenti preferiscono i programmi multimediali. Lo conferma uno studio Nielsen

Il Ceo del più importante social mondiale quindi, sta lavorando dietro le quinte per progettare una piattaforma di broadcasting di contenuti multimediali Facebook. “Fiutando” ovviamente la tendenza del momento: la diffusione di contenuti video e in streaming e la tendenza degli utenti a preferire programmi multimediali. Nel 2015, infatti, uno studio della Nielsen ha rilevato come il 49% di utenti nel mondo abbia dichiarato di preferire un evento in video, soprattutto se questo ha la possibilità di essere commentato all’interno dei social, il 69% degli intervistati invece, preferisce programmi live e il 59% guarda regolarmente video su mobile, anche se lo schermo grande rimane il preferito[1].

L’era della “Social tv” sembra stia per iniziare, Mr. Facebook ha intenzione di sbaragliare la concorrenza, non solo per quanto riguarda le emittenti televisive ma anche i colossi dell’intrattenimento streaming come Netflix e Amazon Prime Video. La competizione insomma è all’ultimo sangue, ma Facebook Tv può contare su una rete di 1,28 miliardi di utenti fedeli e attivi ogni giorno. Non ci resta quindi che metterci comodi e attendere gli ultimi sviluppi, ma chi si perderà l’occasione di dare un’occhiata curiosa all’ultima creatura di Mark Zuckerberg?

[1] http://www.nielsen.com/us/en/insights/news/2015/live-tv-social-media-engaged-viewers.html

Precedente 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10  ...  Successivo

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it