Search
Reputation News
Volkswagen, scandalo ambientale:  il 74% on line attacca il brand

giovedì 24 settembre 2015

Volkswagen, scandalo ambientale: il 74% on line attacca il brand

In un solo giorno più di 200 video postati su YouTube e 26mila tweet sullo scandalo. L'analisi di Reputation Manager sull caso Volkswagen.

Milano, 23 settembre 2015- Lo scandalo dei controlli truccati sulle emissioni di gas che ha travolto Volkswagen ha avuto le sue immediate ripercussioni sulla reputazione on line dell’azienda: il 74,3% dei contenuti on line relativi al brand ha un impatto altamente negativo, con una resistenza delll’11,7% positivo e del 13,9% neutro. Questo secondo quanto rilevato da Reputation Manager, principale istituto italiano nell'analisi e misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico, che ha monitorato i contenuti on line relativi a Volkswagen, pubblicati nell’ultima settimana, proprio per misurare l’impatto dello scandalo sulla  reputazione aziendale nel suo complesso.

A partire da un modello concettuale, elaborato da Reputation Manager, per valutare l’impatto sui diversi aspetti legati al brand, si rileva che il tema più dibattutto insieme a quello strettamente relativo al caso, ovvero l’impatto ambientale discusso nel 43% delle conversazioni (il 91% delle quali hanno valenza negativa), è proprio l’immagine generale e la reputazione dell’azienda, dibattuta nel 23,6% dei casi, con una negatività che raggiunge l’89,4%.

A seguire le negatività colpiscono la qualità dei prodotti Volkswagen, su cui si concentra il 25% dei commenti,  il 37% dei quali molto negativi, anche se resiste un 29% di positività espressa da chi difende la storia del brand. L’impatto sulla comunicazione aziendale, che contiene un 37% tra contenuti positivi e neutri, è mitigato in parte dall’ammissione di colpa da parte del CEO.

La maggior viralità della notizia è stata raggiunta nei video on line: scoppiato il caso, in un giorno sono stati pubblicati solo su YouTube più di 200 video, il più visualizzato si intitola  “VW Dieselgate Emissions Scandal: Top 5 Hard Questions for Volkswagen Brass”, pubblicato da “The Faste lane”, un portale specialistico seguito da 385.724 utenti,  ha raggiunto in un giorno 9.000 visualizzazioni, 360 commenti e 325 like. Lo stesso video è stato condiviso il giorno successivo su Facebook e Twitter aumentando così la sua viralità e il suo impatto negativo.

“Siamo di fronte ad un caso che possiamo definire senza precedenti – commenta Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager- uno scandalo internazionale con impatti molto forti in più parti del mondo e che coinvolge la reputazione dell’azienda nel suo complesso. Già una semplice ricerca su Google ne rivela con chiarezza l’assoluta gravità: la prima chiave di ricerca associata a Volkswagen è “borsa” (quindi crollo del titolo), la seconda è “scandalo”. Già nelle primissime ore i consumatori, più e meno esperti di automotive, hanno invaso il web di commenti. Una mole di contenuti enorme che l’azienda dovrebbe già aver iniziato a monitorare attentamente, per misurare gli effettivi impatti della crisi, non solo in termini di immagine ma anche e soprattutto di business.”

Su Twitter l’hashtag #Volkswagen è schizzato nei trend topic comparendo in un giorno in più di 26.000 tweet, che rappresentano il 68% dei tweet sul brand dell’intera settimana: questo significa che nel fiume di messaggi il brand è associato praticamente solo allo scandalo, ed è stata ad esempio nettamente oscurata la notizia, pubblicata nelle stesse ore, del lancio del nuovo modello Tiguan

Pubblicato il (giovedì 24 settembre 2015)

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it