Search
Reputation News
Scandalo Volkswagen, aumenta l'impatto negativo: 81% critica il brand sul web

lunedì 28 settembre 2015

Scandalo Volkswagen, aumenta l'impatto negativo: 81% critica il brand sul web

Dopo alcuni giorni dallo scandalo, cresce l'impatto negativo sulla reputazione del brand Volkswagen.

Cresce l’impatto del disastro reputazionale che ha travolto Volkswagen: dopo tre giorni l’81,3% dei contenuti on line relativi al brand ha un impatto altamente negativo e in crescita (+7% rispetto alle prime 24h).

Questo secondo quanto rilevato da Reputation Manager, principale istituto italiano nell'analisi e misurazione della reputazione online dei brand e delle figure di rilievo pubblico, che ha monitorato i contenuti on line relativi a Volkswagen, pubblicati nell’ultima settimana, proprio per misurare l’impatto dello scandalo sulla  reputazione aziendale nel suo complesso.

CROLLO REPUTAZIONE ON LINE DI VOLKSWAGEN (21-25 SETTEMBRE)

SENTIMENT NEGATIVO MOLTO FORTE E IN CRESCITA

A partire da un modello concettuale, elaborato da Reputation Manager, per valutare l’impatto sui diversi aspetti legati al brand, si rileva che il tema più dibattutto insieme a quello strettamente relativo al caso, ovvero l’impatto ambientale discusso nel 31,3% delle conversazioni (il 94% delle quali hanno valenza negativa), è proprio l’immagine generale e la reputazione dell’azienda, dibattuta nel 23,8% dei casi, con una negatività che raggiunge il 92%.

Il discorso di scuse e le successive dimissioni del CEO Martin Winterkom sono il terzo argomento più commentato, nel 21% delle conversazioni, con un sentiment negativo al 93%, incrementato dalla notizia dell’ammontare della sua buonuscita:

“Prendete il numero di auto "truccate" da Volkswagen (11 milioni), moltiplicatelo per tre e convertite il tutto in euro: ecco, quella è la "buonuscita" con cui l'ex ceo ieri dimissionario Martin Winterkorn tornerà a casa. 33 milioni in totale” (Huffingstonpost.it)

Il 5% dei commenti positivi sull’amministratore dimissionario si riferiscono più che altro alla sua ottima fama di manager prima dello scandalo e ai successi conseguiti con Volkswagen. Naturalmente quanto accaduto getta una profonda ombra su tutto il management dell’azienda.

Infine il sentiment negativo colpisce la qualità dei prodotti Volkswagen, su cui si concentra il 24% dei commenti, il 32% dei quali molto negativi

La maggior viralità della notizia è stata raggiunta nei video on line: scoppiato il caso, in un giorno sono stati pubblicati solo su YouTube più di 200 video, il più visualizzato si intitola  “VW Dieselgate Emissions Scandal: Top 5 Hard Questions for Volkswagen Brass”, pubblicato da “The Faste lane”, un portale specialistico seguito da 385.724 utenti: il filmato è passato da 9.000 a 104.000 visualizzazioni in tre giorni. Lo stesso video è stato condiviso su Facebook e Twitter aumentando così la sua viralità e il suo impatto negativo.

Su Twitter l’hashtag #Volkswagen è schizzato nei trend topic comparendo in un giorno in più di 111.929 tweet, che rappresentano l’86% dei tweet sul brand

dell’intero mese. 

“Siamo di fronte ad un caso che possiamo definire senza precedenti – commenta Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager- uno scandalo internazionale con impatti molto forti in più parti del mondo e che coinvolge la reputazione dell’azienda nel suo complesso, e non solo. Molti commentatori prefigurano infatti ripercussioni negative sull’intero mercato dell’automotive, temendo una generalizzata perdita di fiducia da parte dei consumatori.

L’accaduto inoltre ha implicazioni molto forti anche sull’immagine della stessa Germania, e sulle relazioni politiche internazionali in Europa e tra l’Europa e l’America. Lo scandalo è già su Wikipedia, scolpito nella storia di Volkswagen,  dell’industria automobilistica e dell’economia tedesca. Insomma, siamo di fronte a una crisi reputazionale da manuale.”

A giudicare dai commenti on line, sembra che Volkswagen, insieme alla Germania e ad Angela Merkel, debba pagare un doppio dazio e scontare la sua reputazione da “prima della classe”: gli italiani appassionati di automotive che si confrontano sui forum non hanno perso tempo a puntare il dito contro i tedeschi, che troppe volte in Europa hanno giocato il ruolo di censori bacchettando gli altri Paesi. Un autogoal clamoroso.

Pubblicato il (lunedì 28 settembre 2015)
ARTICOLI CORRELATI

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it