Search
Reputation News
AFFARI & FINANZA / Reputation Manager: Risale Marchionne, il caso MontePaschi penalizza Morelli

lunedì 9 gennaio 2017

AFFARI & FINANZA / Reputation Manager: Risale Marchionne, il caso MontePaschi penalizza Morelli

Torna l'appuntamento con la nostra classifica sulla reputazione on line dei Top Manager in Italia, realizzata in esclusiva per la Repubblica​ Affari & Finanza

CAIRO GUIDA SALDAMENTE LA CLASSIFICA, RECCHI GUADAGNA UNA POSIZIONE, PIAZZANDOSI SECONDO. MARCHIONNE INVERTE LA TENDENZA DEGLI ULTIMI MESI E SALE SUL TERZO GRADINO DEL PODIO. 

LE PAGELLE FINALI

Urbano Cairo (Cairo Communication – La7) 74,1

Giuseppe Recchi (Telecom) 68

Sergio Marchionne (Fiat) 67,9

Claudio Descalzi (Eni) 65,2

Flavio Cattaneo (Telecom Italia) 61,8

Diego della Valle (Tod’s) 59,7

Francesco Caio (Poste Italiane) 54,2

Remo Ruffini (Moncler) 53,1

Francesco Starace (Enel) 50,6

John Elkann (Fiat) 50,2

Marco Tronchetti Provera (Pirelli) 49,6

Massimo Tononi (MPS) 48,9

Marina Berlusconi (Fininvest) 48,8

Andrea Bonomi (INVESTINDUSTRIAL) 48,7

Mauro Moretti (Finmeccanica) 44,8

Roberto Colaninno (Alitalia) 44,7

Philippe Donnet (Generali) 44,4

Alberto Nagel (Mediobanca) 44,1

Carlo Cimbri (Unipol) 43,7

Ennio Doris (Mediolanum) 43,7

Marco Morelli (Mps) 39,2

IDENTITÀ DIGITALE E QUALITÀ DEI CONTENUTI

“Avere una comunicazione finanziaria efficace porta benefici non solo al brand, ma anche al top manager, e crea interessanti movimenti all’interno della classifica” dichiara Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager.

I tre migliori:

Urbano Cairo mantiene la prima posizione, con un punteggio di 74,1 in lieve calo rispetto al mese precedente (-1,79). I temi rilevanti sono principalmente legati ai successi registrati nei diversi settori in cui il manager opera: editoria e sport.

Editoria:

La presentazione dei risultati finanziari del Gruppo RCS degli ultimi 9 mesi:

  • “L'editore è arrivato ad agosto. In nove mesi le perdite si sono ridotte a 17,4 milioni”
  • Primo «effetto Cairo» sui conti Rcs
  • E' la prima trimestrale targata Urbano Cairo, in carica da inizio agosto. E i primi risultati si iniziano a vedere(..) soprattutto sul lato del taglio costi. 
  • Dal punto di vista finanziario migliora anche l'indebitamento, che in seguito alla cessione di Rcs Libri alla Mondadori scende da 486,7 a 382,9 milioni. 

Nuovo business plan per RCS:

  • Per quanto riguarda le prospettive degli anni successivi», si legge infatti nel comunicato sui conti diffuso ieri, «il cambiamento avvenuto nell'assetto azionario del gruppo e la recente nomina di un nuovo cda comporteranno nei prossimi mesi la revisione e/o elaborazione di un nuovo piano industriale».
  • La sentenza del Tar del Lazio che ha respinto i ricorsi presentati dalla International Media Holding  e dai suoi soci Diego della Valle e Pirelli, contro l’acquisizione di RCS da parte del Gruppo Urbano Cairo

Sport

  • Le dichiarazioni legati al Torino, che indicano un cambio di strategia per la squadra:
  •   "Dobbiamo continuare a pensare in grande e a fare quello che serve per avere una squadra competitiva per l'Europa, noi ci crediamo tutti. ", dichiara il presidente granata a Radio 2  "Negli ultimi anni abbiamo cambiato strategia, puntando su giovani di prospettiva e proprio con loro stiamo ottenendo buoni risultati, prima con Ventura e ora con Mihajlovic, un allenatore che cerca la pressione a colazione e a cena e con con parliamo di Europa. La squadra allestita, magari puntellata in qualche parte, può ambire all'Europa".
  • E quelle legate al Giro d’Italia,
  • "Quest'anno vogliamo fare qualcosa di speciale sia dal punto di vista dei partecipanti che per quanto riguarda le riprese e le grafiche televisive - ha spiegato - spero che da qui si parta per i prossimi 100 giri aiutati dalle bellezze dell'Italia, che rendono unica la competizione" Lo ha detto Urbano Cairo, numero uno dell'omonimo gruppo e di Rcs MediaGroup, a margine del Premio Cairo a Palazzo Reale a Milano. 

2.Giuseppe Recchi conquista il secondo gradino del podio con 68 punti, guadagnando una posizione con una crescita di 6,08 punti. I contenuti rilevanti dell’ultimo periodo per il Presidente di Telecom riguardano in particolare:

  • La nuova strategia messa in atto da Telecom per acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli già acquisiti con la produzione di contenuti premium per la banda ultralarga con Tim Vision
  • TimVision sfida Netflix, produrrà film e serie Tv per la fibra-
  • La mossa di Telecom di produrre in proprio contenuti premium è una novità per l’Italia
  • Accelerazione sulla strategia quad play.
  • L’ accelerazione dei piani di sviluppo regionali della banda ultra larga sia fissa che mobile. Durante l’ultimo periodo Il presidente Recchi ha incontrato i governatori di Piemonte e Liguria, dichiarando:
  • “Stiamo lavorando per massimizzare la collaborazione con le istituzioni – ha detto Recchi – I nostri programmi di copertura della fibra avanzano ad un ritmo di 7mila chilometri al giorno. Da questi incontri emerge che le regioni vogliono offrire al più presto la banda ultralarga specialmente nelle aree a più intenso sviluppo e dove è necessario avere maggiore velocità delle connessioni base”.
  • "Grazie a questa forte accelerazione - ha detto Giuseppe Recchi - già entro la fine di quest’anno saliranno a 38 i comuni della regione dotati di una infrastruttura a banda ultralarga di nuova generazione.

Utili in crescita registrati durante l’ultimo trimestre: la miglior performance dal 2007:

  • Il presidente esecutivo Giuseppe Recchi spiega che la ristrutturazione di Tim «sta procedendo a passo spedito», con risultati «eccellenti», «in anticipo rispetto alle attese». E aggiunge: «Stiamo investendo come nessun altro nel nostro Paese». Nei nove mesi gli investimenti industriali sono stati pari a 3,1 miliardi di euro, di cui 2,4 per l’Italia, «in gran parte concentrati sullo sviluppo delle nuove tecnologie» per la banda ultra larga. 

3.Sergio Marchionne inverte la tendenza discendente degli ultimi due mesi piazzandosi terzo con un punteggio di 67,9 e una crescita di ben 9,59 punti. Gli argomenti più rilanciati dalle testate online sono le dichiarazioni rilasciate durante l’Assemblea Anfia a Cassino alla presenza dell’ex premier Renzi:

  • l’AD di Fiat afferma che entro il 2018 saranno assunti 1.800 dipendenti per far fronte alla produzione a pieno regime della Giulia e del SUV Stelvio dell’Alfa Romeo:
  • «Abbiamo un futuro chiaro con il rilancio di Alfa Romeo e Maserati. Qualche anno fa dicemmo che dovevamo aspettare il momento opportuno per muoverci in questi segmenti. Oggi abbiamo un’architettura tecnologica superiore a qualsiasi altro e abbiamo dimostrato che siamo capaci di fare macchine alla pari e superiori ai tedeschi. Questo era l’obiettivo», dichiara l’Ad di Fca.

Marchionne commenta anche la vittoria di Trump dichiarandosi pronto alla collaborazione con la nuova amministrazione, inoltre giudica positivamente il rafforzamento del dollaro sui conti del gruppo “aiuterà molto noi e anche la Ferrari”

Nonostante la rimonta, i contenuti lesivi non sono scomparsi, e si riferiscono soprattutto alle performance in pista della Ferrari ritenuti “fallimentari” da alcune testate online che titolano “FI: Ferrari ed un altro anno da dimenticare. I cinque motivi di un 2016 fallimentare”, e ancora “ Il bilancio Marchionne: siamo rimasti indietro”. Al contrario sul lato finanziario la Ferrari decolla: “Ferrari, terzo trimestre record Marchionne rialza i target del 2016.  In effetti la Rossa mette a segno un trimestre record, con un utile netto in rialzo del 20%, un deciso calo dell’indebitamento e una previsione di target rivista al rialzo”.

In crescita:

Francesco Caio, amministratore Delegato e direttore Generale de gruppo Poste Italiane sale di ben 6 posizioni raggiungendo il 7 º posto con un punteggio di 54,2 (+8,23) grazie ai risultati positivi dell’ultimo trimestre finanziario:

A un anno dalla quotazione, Poste Italiane nei conti dei nove mesi accelera nella realizzazione del piano industriale. «Sono risultati che confermano la validità delle nostre scelte strategiche e la capacità del gruppo di attuarle nell’ambito del profondo processo di cambiamento avviato», ha commentato l’amministratore delegato Francesco Caio. Risultati, ha proseguito, «che pongono basi molto robuste per ulteriori possibilità di sviluppo e crescita sia organica sia attraverso alleanze e acquisizioni». 

L’accordo con CPD e Anima “per lo sviluppo di un progetto comune finalizzato alla creazione di un primario operatore del settore della gestione del risparmio capace di valorizzare al meglio il risparmio privato in Italia” dichiara l’Ad di poste Italiane.

Altri contenuti postivi si riferiscono ai progetti sociali promossi da Poste Insieme Onlus, la Fondazione di Poste Italiane nata per promuovere politiche di inclusione e solidarietà sociale (“Il percorso di sviluppo e trasformazione di Poste Italiane - ha aggiunto l'amministratore delegato Francesco Caio - è imperniato su una costante attenzione al tema dell'inclusione sociale. Attraverso Poste insieme onlus e le numerose attività di corporate social responsibility, l'azienda ha definito una strategia integrata che unisce ai valori della prossimità e della semplicità l'impegno solidale e responsabile degli organi aziendali e di tutti i suoi dipendenti in un agire comune”) e all’innovazione tecnologica che l’Ad sta portando all’interno del gruppo, pilastro fondamentale della sua politica di innovazione e digitalizzazione.

Anche Franecesco Starace Amministratore Delegato di Enel risale di 6 posizioni la classifica di Reputation Manager raggiungendo il 9º posto (50,6) grazie agli articoli che parlano positivamente della presentazione del nuovo piano strategico della società che prevede 21 miliardi di investimenti in tre anni, e l’inserimento della digitalizzazione e dell’attenzione al cliente come nuovi fattori chiave di sviluppo. Molto rilevante per la sua web identity l’avvio della quotazione di Enel Americas presso la borsa di New York e il commento ai risultati finanziari dell’ultimo trimestre di Enel: "L'andamento del titolo Enel negli ultimi giorni riflette il raggiungimento con un anno di anticipo degli obiettivi di efficienza e di cassa di cui sono stati fatti partecipi gli azionisti - ha sottolineato -  Siamo avanti di un anno rispetto agli obiettivi dal punto di vista dell'efficienza e della capacità di generazione di cassa e di questo possiamo fare partecipi i nostri azionisti".

Pubblicato il (lunedì 9 gennaio 2017)

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it