Search
Reputation News
AFFARI & FINANZA /Reputation Manager: IN CLASSIFICA ANCHE DEL FANTE E PROFUMO

lunedì 17 luglio 2017

AFFARI & FINANZA /Reputation Manager: IN CLASSIFICA ANCHE DEL FANTE E PROFUMO

Torna l'appuntamento con la nostra classifica sulla reputazione on line dei Top Manager in Italia, realizzata  per la Repubblica​ Affari & Finanza.

CAIRO E MARCHIONNE CONFERMANO RISPETTIVAMENTE LA PRIMA E LA SECONDA POSIZIONE. MEDAGLIA DI BRONZO PER STARACE. NEW ENTRY DE PUYFONTAINE (NUOVO PRESIDENTE TIM), DEL FANTE (NUOVO AD POSTE) E PROFUMO (NUOVO AD LEONARDO SPA)

PAGELLE FINALI                                                                                                

Urbano Cairo (Cairo Communication – La7 - RCS) 76,5  

Sergio Marchionne (FCA) 72,8

Francesco Starace (Enel) 62,1

Claudio Descalzi (Eni) 61,1

Flavio Cattaneo (TIM) 57,4

Diego della Valle (Tod’s) 55,8

John Elkann (FCA) 55,4

Philippe Donnet (Generali) 54,8

Arnaud de Puyfontaine (Tim) 54,6

Marco Tronchetti Provera (Pirelli) 51,9

Remo Ruffini (Moncler) 51,5

Andrea Bonomi (INVESTINDUSTRIAL) 50

Ennio Doris (Mediolanum) 48,9

Roberto Colaninno (Piaggio) 46,8

Marina Berlusconi (Fininvest) 46,8

Matteo Del Fante (Poste Italiane) 45,7

Alberto Nagel (Mediobanca) 42,3

Alessandro Falciai (Mps) 42,2

Carlo Cimbri (Unipol) 42,2

Marco Morelli (Mps) 39,9

Alessandro Profumo (Leonardo SPA) 39,3

IDENTITÀ DIGITALE E QUALITÀ DEI CONTENUTI

“Analizzando le prime tre posizioni in classifica è evidente che è sempre una strategia vincente costruire la propria identità digitale su valori forti e universalmente riconosciuti positivi come l’innovazione, la visione strategica disruptive, l’impegno nel business” dichiara Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager.

Il podio

Urbano Cairo si conferma primo, con 76,5, il medesimo punteggio del mese scorso. La sua web reputation continua a raccogliere i frutti del suo operato nei vari ambiti in cui è impegnato. Nell’ultimo periodo preso in esame il manager consolida la propria identità digitale grazie al conferimento di vari premi e riconoscimenti:

  • È Nominato dal Presidente Mattarella Cavaliere del Lavoro.
  • Riceve il Premio Roma per l’imprenditoria, “per le sue doti manageriali a 360°”, si afferma durante la premiazione.
  • Riceve un riconoscimento speciale durante il Premio Maestrelli, in qualità di Presidente del Torino Calcio. Sempre sul fronte sportivo si registra una crescita della sua web reputation, soprattutto tra i tifosi del Torino, entusiasti della riapertura dello stadio Filadelfia, che sia attendeva da tempo.

Altri temi rilevanti per la sua identità digitale sono

  • i rumor sulla sua discesa in politica, puntualmente smentita dall’interessato che dichiara “La politica la amo, ma ora non ho tempo”.
  • la new entry di Diego Bianchi e di Gazebo su La7, (il programma di culto di Rai3). Una mossa che viene definita strategica: “Urbano Cairo mette a segno dunque un altro importante colpo per la sua rete: anche se Gazebo è un format di nicchia e non uno di quei programmi che mobilitano le masse televisive, sul piano dell'immagine (e su quello social) è comunque un ‘acquisto’ importante”.

Sergio Marchionne si conferma secondo anche questo mese, anche se il suo punteggio decresce di oltre 3 punti (3,6 per la precisione) a causa di contenuti lesivi, che tornano alla ribalta nel web e che riguardano il “dieselgate”. Notizie che fanno crollare anche il titolo in borsa:

  • “Il ministero di Giustizia Usa è pronto a fare causa se falliranno i negoziati sulle accuse di violazione delle normative sulle emissioni. Titolo Fca ko”.

Anche in questo caso Marchionne ci mette la faccia in prima persona per difendere la sua causa e arginare il danno sia reputazionale che economico che ne deriva. Un manager in prima linea per la difesa della sua azienda:

  • Fiat Chrysler e “dieselgate”: Marchionne prova a tranquillizzare tutti, ma la realtà è ben diversa.
  • Marchionne prova a mettere una pezza al (presunto) scandalo emissioni.
  • Diesel Usa, Marchionne: nessun impatto sugli obiettivi 2018.
  • L'ad ha spiegato che un accordo con le autorità Usa non sembra lontano. Nel 2017 la casa automobilistica punta a ricavi netti tra 115 e 120 miliardi di euro, un ebit adjusted di oltre 7 miliardi e un utile netto adjusted di oltre 3 miliardi.

È proprio questa identificazione di FCA con Marchionne che spaventa e incuriosisce il mercato sulla sua futura sostituzione alla guida della multinazionale.  Il manager ha sempre concentrato nella sua figura tutti i poteri strategici della società, a dimostrazione di un grande carisma, difficile da sostituire. Forse per questo la nuova ipotesi di successione vedrebbe un team allargato di manager alla guida di FCA, nell’attesa di trovare un partner forte:

  • Si scalda la partita per la successione del 2019. John Elkann pensa a distribuire i poteri dell'ad tra più dirigenti.

Guadagna una posizione aggiudicandosi la medaglia di bronzo Francesco Starace. I motivi di questa crescita reputazionale sono da rintracciarsi nell’aumento volumetrico dei contenuti web a lui riferiti (oltre il 25% rispetto al periodo precedente) e alla loro qualità. Si tratta infatti spesso di contenuti di valore, sempre legati a progetti innovativi a livello mondiale che disegnano un profilo imprenditoriale positivo. Ad esempio questo mese si fa riferimento a:

Il piano complessivo di Enel per l'installazione del nuovo contatore elettronico, annunciato alla presenza del Premier Gentiloni.

I piani di espansione verso l’estero: 

  •  In Russia: “l'Amministratore Delegato della società italiana, Francesco Starace, ha annunciato che la big energetica sta partecipando ad un bando di gara per  l'eolico, aggiungendo che vi è ‘qualche possibilità di successo’. L'AD ha evidenziato il ‘potenziale straordinario’ del settore delle rinnovabili russo”                  
  • In Cile: “ENEL in Cile, la sfida green. "Geotermico da record".

La nomina di Starace come presidente di Eurelectric

Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel, è stato nominato nuovo presidente dell'Unione del settore elettrico europeo Eurelectric,                con un mandato di due anni. L'elezione, da parte del consiglio di amministrazione, ha avuto luogo durante l'Assemblea annuale dell'associazione a Estoril, in                            Portogallo.

La scossa digitale per la crescita di Enel

Starace annuncia la creazione di un business line dedicata al futuro hi-tech dell'energia. Focus su mobilità, smart home, città connesse e Industria 4.0.

In salita:

Tre i manager in classifica che guadagnano due posizioni rispetto mese precedente:

  • Claudio Descalzi, che si posiziona 4° grazie a contenuti digitali che riguardano l’avvio delle produzione in Ghana in tempi definiti record, l’esplorazione dell’Oman per valutare una cooperazione nel settore del petrolio e del gas; l’accordo siglato con GSE “per valorizzare il territorio italiano rilanciando occupazione ed economia”; il progetto in Mozambico che prevede un investimento di 8 miliardi di dollari “per sviluppare un campo gas lungo la costa del Mozambico, primo di una serie di progetti che mirano a trasformare la nazione africana, situata nella costa orientale del continente nero, in un importante fornitore di energia verso l’Asia.      
  • John Elkann invece raggiunge il 7° posto grazie a news che si riferiscono alla celebrazione del cinquantenario della Fondazione Agnelli e all’apertura della nuova sede “Torino, ecco la sede 2.0 della Fondazione Agnelli. John Elkann: la nostra scommessa sul futuro Il vicepresidente: uno degli edifici più innovativi al mondo”; le celebrazioni per i 150 anni de La Stampa “big dell'editoria mondiale sono a Torino per discutere sul futuro dei giornali. Fa gli onori di casa John Elkann che ha invitato direttori, editori ma anche amministratori delegati di gruppi editoriali al grande evento che chiude i festeggiamenti per i 150 anni della Stampa”.                      
  • La preparazione per il ritorno in Borsa del Gruppo Pirelli e l’accordo di sponsorship siglato con il team Emirates New Zealand in occasione dell’America’s Cup 2017 incrementano la web reputation di Marco Tronchetti Provera, decimo.

Cambiano le poltrone: Questo mese registriamo la sostituzione di alcuni manager alla guida di importanti aziende:

Arnaud de Puyfontaine (nuovo presidente TIM) che si classifica 9° grazie agli alti volumi di contenuti riferiti alla sua nomina.
Matteo Del Fante (nuovo AD di Poste Italiane) sedicesimo.
Alessandro Profumo (nuovo AD di Leonardo SPA) ventunesimo.

Pubblicato il (lunedì 17 luglio 2017)

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it