Search
Reputation News
AFFARI & FINANZA /REPUTATION MANAGER: MARCHIONNE IRRAGGIUNGIBILE, IL CALO DI CAIRO.

lunedì 27 novembre 2017

AFFARI & FINANZA /REPUTATION MANAGER: MARCHIONNE IRRAGGIUNGIBILE, IL CALO DI CAIRO.

Torna l'appuntamento con la nostra classifica sulla reputazione on line dei Top Manager in Italia, realizzata  per la Repubblica​ Affari & Finanza.

IL PODIO SI CONFERMA STABILE: 1° MARCHIONNE, MEDAGLIA D’ARGENTO PER CAIRO, 3° STARACE. BUONE LE PERFORMANCE DEI MANAGER NEL SETTORE FINANZIARIO: DORIS (MEDIOLANUM) GUADAGNA 3 POSIZIONI, NEW ENTRY (+10 POSIZIONI) PER CARLO MESSINA (INTESA SANPAOLO).

CLASSIFICA TOP 15

Posizione

Nome

Cognome

Azienda

Punteggio

1

Sergio

Marchionne

FCA

77,8

2

Urbano

Cairo

Cairo Communication

72,9

3

Francesco

Starace

Enel

61,3

4

Claudio

Descalzi

Eni

60,3

5

Diego

Della Valle

Tod's

57,8

6

John

Elkann

Fca

56,9

7

Ennio

Doris

Mediolanum

54,4

8

Philippe

Donnet

Generali Assicurazioni

54,3

9

Flavio

Cattaneo

Ntv

52,8

10

Marco

Tronchetti Provera

Pirelli

52,1

11

Catia

Bastioli

Terna

51,6

12

Amos

Genish

Tim

51,5

13

Alberto

Bombassei

Brembo

50,9

14

Remo

Ruffini

Moncler

50,5

15

Carlo

Messina

Intesa Sanpaolo

50,4

IDENTITÀ DIGITALE E QUALITÀ DEI CONTENUTI

“Sempre più spesso sono i Top Manager che propongono ricette concrete per far uscire il sistema Italia dalla crisi, innovare il mondo del lavoro e del credito mettendo al centro le esigenze delle persone e dei lavoratori.  Abbiamo notato questa evoluzione soprattutto nel settore del finance. Siamo forse di fronte a un cambio di paradigma del rapporto tra le banche e i cittadini?” dichiara Andrea Barchiesi, CEO di Reputation Manager.

Il podio

Sergio Marchionne si conferma alla guida della classifica per la terza volta consecutiva, con punteggio di 77,8. Il numero di FCA “fa volare il gruppo Agnelli-Exor”, facendo salire il valore del gruppo del 70%:

  • 10 volte in piu' di quando ha preso il comando nel 2004, superando Tesla, Ford e General Motors. Lo riporta l'agenzia Bloomberg. Fca, Ferrari e CNH Industrial - la "vecchia' Fiat" - sono ora il gruppo automobilistico che vale di piu' a Wall Street”

Il mercato accoglie positivamente anche la dichiarazione del presidente John Elkann sul futuro di Marchionne in Exor:

  • “Sergio Marchionne resterà nella holding, di cui è vicepresidente, anche dopo la sua uscita da Fca nel 2019”.

Altro tema rilevante questo mese per la sua identità digitale è il conferimento da parte dell’Università di Trento della laurea honoris causa in Ingegneria Meccatronica.

Urbano Cairo, mantiene la medaglia d’argento con 72,9 grazie soprattutto a:

  • dati positivi sulla raccolta pubblicitaria di RCS nel 3° trimestre e alle evidenze positive per il 4°:
    • “Abbiamo dei buoni numeri, confrontando la raccolta pubblicitaria sui singoli giornali all'11 ottobre 2016 rispetto a oggi c'è un bel segno più, molto positivo". "Credo che il mercato si sia accorto del fatto che stiamo investendo in maniera molto, molto importante sui nostri giornali. Molto bene anche l'online sta facendo numeri interessanti" dichiara
  • l’iniziativa annunciata a margine della presentazione del XVIII Premio Cairo di riportare RCS nel settore libri:
    • “Ci stiamo pensando — ha dichiarato l’editore — è un’attività importante a cui teniamo. Abbiamo vincoli di non concorrenza con Mondadori che prevedono un massimo di 110 libri nel prossimo anno; ma spazio ce n’è [...] È un’attività che io non avrei mai ceduto.
  • Il ricevimento del premio Piepolo:
    • “Perché ha consolidato la presenza internazionale del gruppo in seguito all’acquisizione del controllo di Rcs MediaGroup, uno dei principali marchi editoriali del mondo presente in Spagna come proprietario del gruppo Unidad Editorial, che pubblica, tra gli altri, Marca e El Mundo”. 

Sul gradino più basso del podio si mantiene stabile Francesco Starace con 61,3 punti grazie alla sua visione strategica che ha fatto evolvere la multinazionale puntando su innovazione e sostenibilità, cambiando approcci e strutture fino a farla diventare una case history ad Harvad e far entrare Enel nella Top 20 dei migliori datori di lavoro al mondo per Forbes Magazine:

  • Il passaggio da un modello innovativo chiuso a uno aperto, l’espansione sulle rinnovabili, una visione della mobilità elettrica al servizio della intera rete, una rimodulazione più generale di mission e business line all’insegna del Creating Shared Value. Sono processi che hanno accompagnato Enel in questi anni e che la vedono approdare all’Harvard Business School, come protagonista di un case study elaborato da Mark Kramer e Bhanuteja Nadella, dal titolo Enel: The Future of Energy”
  • Siamo molto soddisfatti dell’inclusione di Enel nella World’s best employers list di Forbes magazine – dichiara Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel – perché questo riconoscimento testimonia il grande lavoro che stiamo facendo per valorizzare e motivare chi lavora nel nostro Gruppo e per attrarre i migliori talenti necessari per affrontare le sfide che la trasformazione energetica pone alla nostra società”.

In salita: sono i manager del finance a guadagnare più posizioni

Ennio Doris si classifica 7° (+3 posizioni) con un punteggio di 54,4 grazie alla nuova strategia di sviluppo annunciata durante la convention annuale di Assago, che vorrebbe far diventare Banca Mediolanum la prima banca di affari per le piccole e medie imprese:

  • così come nei decenni scorsi abbiamo portato la banca a casa dei risparmiatori, in futuro vogliamo portarla a casa degli imprenditori” dichiara Ennio Doris
  • Piani individuali di risparmio (Pir) sono «un'occasione da non perdere per il Paese». Lo ha dichiarato a un quotidiano il presidente di Banca Mediolanum , Ennio Doris, spiegando che i rischi di una possibile bolla sono «un timore di chi guarda al passato e non si e' accorto del cambiamento in atto. Le richieste di quotazione in Borsa saranno una valanga».

Carlo Messina è la new entry di questo mese: guadagna 10 posizioni e si classifica 15° con 50,4 punti per

  • aver stanziato un fondo da 100 milioni di euro per gli ex soci delle banche venete:
  • “La vicenda dei soci truffati rappresenta una vergogna, quello che è successo è scandaloso. […] Mi ha sconvolto il fatto che circa 2 mila di questi nuclei familiari sono formati da persone ultraottantenni ha detto Messina”
  • le dichiarazioni fatte in occasione del G7 di Torino per far uscire l’Italia dallo stallo della crisi: “occorre una regia che progetti un sistema che formi adeguatamente per i nuovi lavori”
  • i nuovi progetti per il futuro di Banca Intesa che punta a diventare la banca italiana leader nelle assicurazioni nei prossimi 8 anni:
    • “L’obiettivo principale che abbiamo è diventare una delle prime compagnie assicurative sui Danni in Italia, sul Vita siamo già la numero uno indiscutibilmente», ha detto. «Vogliamo entrare nel settore Protection, Property and Casualties e Danni e su questo riuscire a diventare una delle prime compagnie nei prossimi 4 anni e la prima nei 4 anni successivi. Un progetto molto importante che si basa sul rafforzamento della fabbrica di prodotto e sull’assunzione di persone per sostenere il flusso di vendita sulla rete»

In discesa

Marco Tronchetti Provera perde 4 posizioni, piazzandosi 10° per la fredda accoglienza del ritorno in Borsa di Pirelli e per il tono dei contenuti rilevati, meno alto rispetto al mese precedente.

Pubblicato il (lunedì 27 novembre 2017)

REPUTATION MANAGER

Reputation Manager S.r.l. a socio unico
Cod.Fisc./P.IVA 0756941 096 7 Registro Imprese di Milano - R.E.A. MI-1967717 - Capitale Sociale € 71.450,00.= i.v.
Tutti i diritti sono riservati.
NEWSLETTER
Acconsento al trattamento dei miei dati personali(*)

ISO9001 Reputation Manager è certificata UNI EN ISO 9001:2008 (Certificazione N° 9175.RPTM).
UNI EN ISO 9001:2008, Sistemi di gestione per la qualità dei processi aziendali e produttivi, è la norma che definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per aziende ed enti. I requisiti espressi sono di "carattere generale" e possono essere adottati da ogni tipologia di organizzazione.

Reputation Manager S.r.l. è fondata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria specializzati dal 2004 nelle tematiche di Reputazione Online e Web Intelligence.

Il nostro obiettivo è promuovere la crescita e lo sviluppo delle imprese tramite l’innovazione dei processi, delle metodologie organizzative e delle tecnologie informatiche.

Specializzazione nelle tematiche reputazionali e di brand monitoring Reputation Manager è frutto di una forte specializzazione dell’azienda sulle tematiche inerenti la reputazione e la misurazione degli impatti nei brand, prodotti e servizi. Vengono adottate le più innovative tecnologie e metodologie al servizio dell’eccellenza e della massima fruibilità pratica dei risultati. Molte delle innovazioni apportate sono una novità per il panorama nazionale.

Esperienza a 360° nelle problematiche web 2.0 Realizzazione di progetti nelle differenti aree costitutive del web 2.0: analisi reputazionale, raccolta opinioni, webanalytics, integrazione CRM, portali B2C, portali B2B, SEO, SEM, servizi ASP, usabilità, profilazione utenza, integrazioni con soluzioni VOIP. Ricerca e sviluppo La ricerca e sviluppo è un fattore di primario interesse nella mission aziendale. Il 30% delle risorse lavorano su progetti di ricerca e innovazione.

Dove siamo (Sede Operativa) Reputation Manager Via Gabriele D'Annunzio, 27 - 20016 Pero (MI) Tel: +39 02 928501 Fax: +39 02 92850190 E-mail: info@reputazioneonline.it